ll gatto di schrödinger

ll gatto di schrödinger

 

Secondo il paradosso di  schrödinger se il gatto fosse paragonato agli atomi , potrebbe essere sia vivo che morto allo stesso momento . Questo per suo dire apparente nasce dal fatto che nella materia della meccanica quantistica non vi è modo di descrivere classicamente gli oggetti , ma si può constatare una rappresentazione probabilistica.

 

l’Esperimento sul gatto di schrödinger

Il Fisico Austriaco  Schrödinger Immagino un gatto dentro una scatola sigillata e , insieme al gatto , un sofisticato meccanismo , che nell’arco di tempo in cui il gatto rimane nella scatola  , per esempio un ‘ora , esso può scattare e causare il rilascio di un veleno ( letale per il gatto)  oppure no , con la stessa probabilità . Non importa la causa che può far scattare il meccanismo , la cosa certa è che la probabilità che succeda e pari al 50 %  ma tanto quanto quella che non succeda.

 

-  Il paradosso del gatto di schrödinger serve per fare capire che il mondo degli atomi è davvero un altro mondo

-  si tratta di un esperimento mentale che è stato battezzato paradosso del gatto di schrödinger

- Le probabilità che il meccanismo scatti sono del 50 % come sono del 50 % che non scatti 

 

Irresolutezza 

Chi osserva con attenzione la scatola dal di fuori non sa però cosa succede all’interno di essa , non potrà mai dire con assoluta certezza se il gatto sia vivo o morto : quello che potrà affermare  che c’e una possibilità per entrambe le soluzioni al 50 % .  Siamo in una sorta di irresolutezza non potendo conoscere la sorte del gatto . Ovviamente la cosa più plausibile per sciogliere ogni dubbio e aprire la scatola è guardare al suo interno , ma nel farlo l’irresolutezza viene meno e si acquisisce una certezza circa lo stato del gatto. 

 

Paradosso 

 

Se Però vediamo la situazione con un altro punto di vista diverso , le cose cambiano , prendendo atto che non possiamo sapere se il gatto dentro la scatola e vivo oppure è morto , per non arrendersi del tutto alla propria ignoranza , può risultare lecito dire che il gatto è allo stesso tempo vivo e morto , con la stessa probabilità .  Proprio questo è l’assunto alla base del suo paradosso , è chiaro che finche si parla di un gatto non ha molto molto senso l’idea di considerarlo sia vivo che morto . Ma se invece si parla di  particelle di cui sono fatti gli atomi , allora questa idea strampalata di pensare che si possano trovare nello stesso istante in tanti stati diversi  si potrà rivelare vincente per spiegare i fenomeni che le coinvolgono.

 

Per concludere 

 

Possiamo affermare che il paradosso  sul gatto di schrödinger ,  sta quindi nel fatto di riproporre strane idee che funzionano molto bene per le particelle atomiche  oppure a oggetti del nostro mondo ordinario .  Ma dire che il gatto può essere vivo o morto allo stesso tempo è sicuramente una contestazione bizzarra e paradossale . Ma però si tratta di una paragone fatto apposta per mettere in risalto la stranezza delle particelle atomiche . Se un gatto si comportasse come loro  allora si che si potrebbe considerarlo vivo e morto nello stesso tempo . Però in realtà le strane e bizzarre regole delle particelle atomiche non valgono per i gatti e per tutti gli oggetti del mondo che ci sta attorno . Tutto ciò e per far comprendere meglio che il mondo degli atomi è davvero un altro mondo dove succedono cose molto diverse

Messaggio precedente Post successivo

0 commenti

lascia un commento